.
Annunci online

laicismo [ Per uno Stato Laico e Libero dal Giogo della Chiesa. ]
 



24 marzo 2006


Il Grazioso mondo degli Ustasha e del loro salvatore (nonchè futuro Papa)

Giuro che sono in imbarazzo a dover citare la fonte da cui ho trovato l'incipit di questa notizia. Si tratta infatti del sito del PMLI (Partito Marxista-Leninista Italiano), gli stessi a cui l'altro giorno in stazione Santa Maria Novella a Firenze ho risposto con un candido "Datevi fuoco." quando mi si sono avvicinati con un volantino. Ovviamente non mi sarei mai fidato di una simile fonte ma non ci è voluto molto a trovare referenti notevolmente più attendibili.

Iniziamo con l'esporre i fatti:
Un agente segreto americano, tale William Gowen ha deposto davanti alla corte federale di San Francisco che si sta occupando dei risarcimenti alle vittime delle persecuzioni da parte degli ustasha. Pare che il capo dell'organizzazione degli ustasha Ante Pavelic e migliaia di ustasha accusati di feroci crimini di guerra siano stati protetti dal vaticano dopo la seconda guerra mondiale e fatti arrivare in Argentina dove avrebbero goduto della protezione del governo Peròn.

Tutti i documenti sono stati ritrovati e pubblicati dal giornalista argentino Uki Goñi nel suo libro:
Operazione Odessa. La fuga dei gerarchi nazisti verso l’Argentina di Perón, Garzanti 

Di cui anche un articolo su La Stampa del 3/11/2003 

La ragione "ufficiale" (chiamiamola così) è che il Vaticano ha riconosciuto in Ante Pavelic e nel suo gruppo qualcuno che ha combattuto contro il comunismo: la minaccia più immediata alla chiesa di Roma nel dopoguerra; e naturalmente qualcuno che in futuro sarebbe potuto tornare utile sempre contro tale minaccia.

In un sito (in inglese) dedicato alla raccolta di documenti riguardanti gli Ustasha è presente addirittura il carteggio tra l'agente segreto William Gowen ed i suoi capi che gli ordinarono di tornare sui suoi passi nel momento in cui scoprì dove erano rifugiati gli ustasha, per evitare quella che sarebbe stata considerata dal vaticano come un invasione territoriale.
Il sito in questione è The Pavelic Papers ed il documento a cui ho fatto riferimento è questo.
Sullo stesso sito è presente tanto materiale da chiarire qualunque dubbio ma personalmente non ho fatto ricerche più accurate mentre mi riservo di acquistare il libro di Uki Goñi anche per capire meglio gli interessi della Banca Vaticana (implicata ufficialmente nel processo di cui sopra) in questa operazione. 

Fonti:
http://www.pmli.it/vaticanonascosecriminaliguerracroati.htm
http://www.radicali.it/view.php?id=49940
http://www.pavelicpapers.com
http://ukinet.com/lastampa.htm




permalink | inviato da il 24/3/2006 alle 18:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


23 marzo 2006


Ratzinger Indagato chiede L'immunità a Bush

Sapevate che Joseph Ratzinger, attualmente impiegato come Papa in Vaticano, è sotto processo negli USA?

Io non lo sapevo ma cercando la notizia ho trovato numerose fonti, pare che questa storia, come al solito, abbia avuto scarsa visibilità in Italia e sia giusto apparso un articolo sull'Unità. Del caso si sta occupando più approfonditamente Anticlericale.net.

Il procedimento legale avanzato dall'avvocato di tre ragazzini vittime di abusi sessuali è basato su una lettera che Ratzinger ha inviato a tutti i vescovi il 18 Maggio 2001: "nella quale ribadiva il contenuto della Instructio de modo procedendi in causis sollicitationis del 1962... (documento inviato a tutti i vescovi e desecretato di recente, in cui il Vaticano ordinava che un minore qualora avesse dichiarato al suo vescovo di un abuso sessuale da parte di un sacerdote avrebbe dovuto giurare il segreto perpetuo, sotto eventuale pena di scomunica. Ed eventuali documenti comprovanti scandali di questo genere commessi da sacerdoti avrebbero dovuto essere tenuto in un archivio segreto, N.d.R.)" Fonte

Beh pare che a questo punto il nostro carissimo Papa abbia dovuto chiedere al suo collega Bush, per tramite dei suoi avvocati, l'immunità in quanto capo di stato.
Pare che comunque non ci siano ulteriori sviluppi anche se l'avvocato in questione ha annunciato che ricorrerà anche alla Corte Suprema se ce ne dovesse essere bisogno.

Personalmente non ho molte speranze che qualcuno paghi per questi reati.

Per tutti i dettagli:
http://www.traditioninaction.org/bev/070bev09-07-2005.htm [Articolo in Inglese ma ricco di dettagli interessanti]
http://www.anticlericale.net/
http://www.guidasicilia.it/ita/main/news/index.jsp?IDNews=18107




permalink | inviato da il 23/3/2006 alle 21:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa


20 marzo 2006


Opus Dei... Dio è un finanziere.

Cosa unisce nomi opposti della politica italiana come Berlusconi e Prodi, o Casini e Rutelli ad altri personaggi come Sordi o Trapattoni ai poteri forti della chiesa come Ratzingher e Ruini?
Semplice: una profonda fede religiosa riposta nel Dio degli Dei, il denaro.
Vi propongo un riassunto dei nomi più importanti legati all'Opus Dei presi da un articolo che consiglio a tutti di leggere attentamente. Scoprirete come tanti nomi che dominano la vita economica, politica e religiosa del paese siano intrecciati in una fitta rete di rapporti con l'unico scopo di aumentare il proprio conto in banca.

Fondata nel 1928 a Madrid da monsignor Escrivà ed assurta a prelatura personale (vale a dire che risponde esclusivamente a Giovanni Paolo II) nel 1982, l'Opus Dei rappresenta la più potente multinazionale dell'educazione religiosa e fattura - secondo stime della stampa cattolica dissidente - non meno di 30 milioni di dollari al mese...

[...]

LA LISTA
MILITANTI, SOSTENITORI, SIMPATIZZANTI & C.
[LEGENDA - MILITANTE: iscritto o comunque appartenente alla nomenklatura dell'Opus Dei; SOSTENITORE: molto vicino alle iniziative dell'Opus Dei; SIMPATIZZANTE: assiduo alle manifestazioni organizzate dall'Opus Dei; OSPITE: presente anche in forma occasionale ad iniziative organizzate dall'Opus Dei o da sigle ad essa notoriamente collegate]

ANDREOTTI GIULIO - MILITANTE - SENATORE A VITA
ANGELETTI LUIGI - SIMPATIZZANTE - SEGRETARIO UIL
BAGET BOZZO GIANNI - SOSTENITORE - EDITORIALISTA
BALDASSARRE ANTONIO - SIMPATIZZANTE - PRESIDENTE RAI
BERLUSCONI PAOLO - SIMPATIZZANTE - IMPRENDITORE
BERLUSCONI SILVIO - SOSTENITORE - PRESIDENTE DEL CONSIGLIO
BERNABEI ETTORE - SOSTENITORE - PRESIDENTE LUX VIDEO
BUTTIGLIONE ANGELA - SOSTENITORE - DIRETTORE TG PARLAMENTO
BUTTIGLIONE ROCCO - SIMPATIZZANTE - LEADER UDC
CASINI PIER FERDINANDO - SIMPATIZZANTE - PRESIDENTE CAMERA
CONFALONIERI FEDELE - SIMPATIZZANTE - PRESIDENTE MEDIASET
COSSIGA FRANCESCO - SIMPATIZZANTE - SENATORE A VITA
D'ALEMA MASSIMO - SIMPATIZZANTE - PRESIDENTE DS
DEL NOCE ALBERTO - SIMPATIZZANTE - GIORNALISTA
DELL'UTRI MARCELLO - MILITANTE - SENATORE FORZA ITALIA
FAZIO ANTONIO - SIMPATIZZANTE GOVERNATORE BANKITALIA
MANTOVANO ALFREDO - SOSTENITORE - SOTTOSEGRETARIO GIUSTIZIA
MONDADORI LEONARDO - SOSTENITORE - EDITORE
PEZZOTTA SAVINO - SOSTENITORE - LEADER CISL
POMICINO C. PAOLO - SIMPATIZZANTE - EX MINISTRO
PRODI ROMANO - OSPITE - PRESIDENTE UE
RATZINGER JOSEPH - SOSTENITORE - CARDINALE [ora PAPA]
ROMITI CESARE - OSPITE - PRESIDENTE RCS
RUINI CAMILLO - SOSTENITORE - CARDINALE
RUTELLI FRANCESCO - SIMPATIZZANTE - LEADER ULIVO
SENSI FRANCO - SIMPATIZZANTE - PRESIDENTE ROMA
SODANO ANGELO - SOSTENITORE - CARDINALE
SORDI ALBERTO - SOSTENITORE - ATTORE
TAMARO SUSANNA - SOSTENITORE - SCRITTRICE
TRAPATTONI GIOVANNI - SIMPATIZZANTE - CT NAZIONALE CALCIO





Articolo completo:
http://www.kelebekler.com/cesnur/txt/opus.htm




permalink | inviato da il 20/3/2006 alle 23:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa


20 marzo 2006


Dal Sito UAAR

Crocifissi: come comportarsi al seggio elettorale

Il 9 e 10 aprile 2006 si vota per le elezioni politiche. Anche quest’anno il simbolo della confessione cattolica sarà presente in molti seggi elettorali. L’UAAR continua a ritenere tale presenza incompatibile con il supremo principio costituzionale della laicità dello Stato, e continua - e continuerà - a battersi in sede legale perché questo principio trovi finalmente un’applicazione concreta.

Nel frattempo l’UAAR invita i soci, i simpatizzanti e i cittadini a compiere un piccolo gesto civico, chiedendo loro, laddove trovino un crocifisso affisso nei seggi elettorali, di far verbalizzare il proprio dissenso.

Questo l’iter da seguire:

  1. Prima di aver votato, chiedere educatamente al proprio presidente di seggio un colloquio riservato.
  2. Far presente al presidente di seggio che il crocifisso è il simbolo di una religione specifica (non più di stato dal 1984) e che, pertanto, la sua presenza vìola il supremo principio costituzionale della laicità dello Stato.
  3. Far presente al presidente di seggio che, pertanto, si intende far mettere a verbale la dichiarazione che trovate in calce al presente documento (disponibile anche in formato PDF).
  4. Solo dopo aver verbalizzato la dichiarazione, esprimere il proprio voto.
  5. Nel caso il presidente di seggio si rifiutasse perfino di far mettere a verbale questa dichiarazione, gli si deve ricordare che la norma di cui all’art. 104, comma 4, del d.P.R. n. 361/1957, punisce con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa sino a lire 4.000.000 il segretario dell’ufficio elettorale che rifiuta di inserire nel processo verbale o di allegarvi proteste o reclami di elettori.
  6. Al ritorno dal seggio, qualora ci si sia imbattuti in un crocifisso e si sia provveduto a far verbalizzare il proprio dissenso, si richiede la cortesia di avvisare l’UAAR (inviando un’e-mail a soslaicita@uaar.it oppure telefonando allo 049 876 2305), fornendo un succinto resoconto della vicenda.
DICHIARAZIONE DA FAR METTERE A VERBALE


(luogo e data)


Io, sottoscritto (cognome e nome), ho constatato, all’interno del seggio elettorale ubicato in (indicare con precisione dove si trova il seggio), la presenza di un simbolo della confessione religiosa “Chiesa cattolica apostolica romana”.


Ritengo che la presenza, all’interno di un seggio elettorale, di un simbolo religioso di una specifica confessione, privo quindi di valore laico e universale, sia in palese contrasto con il supremo principio costituzionale della laicità dello Stato, sancito dalla Corte Costituzionale con sentenza n. 203/1989 e successive.


Il Cittadino (firma per esteso)




permalink | inviato da il 20/3/2006 alle 23:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
sfoglia           
 
rubriche
Diario

cose
Ultime cose

Il mio profilo
da vedere
Wellage
Politica On Line
My Last.fm Profile
cerca
me l'avete letto 24398 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom